procedura n.165/2018 - Escavatore Pel Job EB 506

Visite: 102

Gara aperta

Prezzo base €: 6.750,00 Totale con oneri €:
Rilancio minimo: € 500,00
Termine vendita
Ven 11/12/2020 h 12:00
Esperimento n. 2
Offerte pervenute
Ribasso totale - 25%

Fasi

FAI UNA OFFERTA

Le offerte acquistano validità solo a seguito del pagamento della cauzione, se prevista.

Offerte pervenute

Informazioni

Procedura n. 165/2018
Tipo procedura Fallimento
Tribunale Bergamo
Inizio iscrizione 16/11/2020 12:00
Termine iscrizione:
- con Bonifico 09/12/2020 12:00
Termine visita 27/11/2020 12:00
Inizio vendita 16/11/2020 12:00
Termine vendita 11/12/2020 12:00
Codice vendita 396053
Data pubblicazione 09/11/2020 11:22

Dettagli

Tipo vendita Asincrona telematica
Prezzo base € 6.750,00
Iva (22,00%) € 1.485,00
Oneri € 1.601,25
Prezzo base totale € 9.836,25
Rilancio minimo € 500,00
Cauzione minima € 2.000,00
Prolungamento 3 min
Metodi pagamento Bonifico

Ubicazione

24026 Leffe (BG)

Visualizza sulla mappa

La gara si svolgerà nella modalità telematica asincrona così come definita dall’art. 25 del DM 32/2015, che prevede che i rilanci possono essere formulati esclusivamente in modalità telematica in un lasso temporale predeterminato e senza la simultanea connessione del giudice o del referente della procedura.

Si invitano gli interessati a prendere visione dell'avviso di vendita. 

Modalità versamento cauzione:

Per poter effettuare la registrazione all’asta è richiesto il versamento di una cauzione per un importo pari ad € 2.000,00 (euro duemila/00). Il versamento di una sola cauzione dà dritto a presentare offerta per tutti i lotti posti in vendita.
La cauzione deve essere versata a mezzo bonifico bancario (causale: cauzione FALL. EDILGELMI / LOTTO ____ / NOME OFFERENTE), il cui accredito dovrà essere visualizzato sul conto corrente intestato a Parva Domus S.r.l. presso BPER Banca S.p.A. (IBAN: IT37 J053 8711 2000 0000 2915 301).

Le offerte presentate non saranno abilitate alla partecipazione alla gara fino a quando non sarà stato verificato l’accredito della cauzione, anche qualora fossero presentate in data antecedente rispetto alla predisposizione del bonifico.
I soggetti che versano la cauzione tramite bonifico bancario sono consapevoli delle possibili problematiche derivanti dall’utilizzo di mezzi telematici, per le quali il Commissionario non potrà in alcun modo essere ritenuto responsabile.
Non saranno ammesse cauzioni prestate con modalità diverse da quelle sopra indicate, anche qualora il partecipante si presentasse munito di un valido titolo di credito.
La cauzione verrà trattenuta in caso di aggiudicazione e restituita ai partecipanti non aggiudicatari, senza interessi, entro 10 (dieci) giorni lavorativi decorrenti dal termine dell’asta, sulle coordinate bancarie specificate in sede di iscrizione alla gara.

Modalità di saldo:

L’aggiudicazione dovrà ritenersi definitiva salvo il caso di sospensione di cui all’art. 108 L.F., essendo espressamente esclusa la possibilità di formulare offerte in aumento ai sensi dell’art. 107 comma 4 L.F., che non saranno prese in considerazione, anche se superiori ad un quarto.

Il pagamento del saldo prezzo oltre agli oneri di legge se dovuti e ai diritti d’asta dovrà avvenire entro e non oltre 5 (cinque) giorni lavorativi dalla comunicazione di aggiudicazione definitiva, che verrà trasmessa dal Commissionario sui recapiti email forniti in seguito all’aggiudicazione.
Il pagamento dovrà essere effettuato mediante bonifico bancario, sulle coordinate bancarie che verranno comunicate ai soli aggiudicatari, salvo diverse modalità preventivamente concordate e accordate.
In caso di mancato pagamento di quanto sopra dovuto nel rispetto dei termini indicati, l’aggiudicatario si intenderà decaduto dall’aggiudicazione e la Procedura avrà diritto di trattenere la cauzione a titolo di penale, salvo il diritto al risarcimento del maggior danno. In tal caso i beni saranno nuovamente venduti all’asta e l’aggiudicatario decaduto non potrà partecipare ai successivi esperimenti.
La proprietà dei beni è trasferita, mediante regolare fatturazione, una volta verificato il saldo di tutto quanto sopra dovuto. Per i beni mobili registrati, la proprietà del bene viene trasferita con decreto di trasferimento emesso dal Tribunale competente. I beni mobili registrati non potranno essere intestati a soggetti diversi dall’aggiudicatario.

Si informano gli interessati all'acquisto che le informazioni relative alle descrizioni dei beni sono dettagliatamente indicate nella documentazione allegata.

La descrizione e' indicativa delle caratteristiche dei beni da alienarsi, i quali essendo di provenienza giudiziaria (ex art. 2922 c.c. "Nella vendita forzata non ha luogo la garanzia per i vizi della cosa. Essa non puo' essere impugnata per cause di lesione"), sono venduti secondo la formula del "visto e piaciuto", nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, senza alcuna garanzia.

Parva Domus srl
Telefono 035 4284671
Email info@parva-domus.it

Questo sito è un prodotto
Zucchetti Software Giuridico srl
www.fallco.it